Baccaro Art Gallery

Picasso e la sua eredita nell’arte italiana

Cherasco, 60 opere di Picasso protagoniste di una nuova grande mostra a Palazzo Salmatoris.

Sabato 12 ottobre inaugura l’esposizione curata da Cinzia Tesio e Rino Tacchella: un percorso dedicato all’opera del maestro spagnolo e alle sue contaminazioni sull’arte italiana a partire dagli Anni 10 del secolo scorso. Visite sino al 12 gennaio 2020

L’evento espositivo dell’autunno cheraschese a Palazzo Salmatoris è un omaggio a un’artista di fama mondiale: Pablo Picasso.

Picasso e la sua eredità nell’arte italiana” è il titolo della mostra che propone un intrigante percorso dedicato all’arte di Pablo Picasso (Malaga 1881-Mougins 1973) e tutti quegli autori che con le loro pitture e sculture, a partire dalla fine degli Anni Dieci del Novecento, periodo in cui per la prima volta Picasso soggiornò in Italia, hanno declinato un linguaggio in qualche modo riconducibile all’opera picassiana.

Di Picasso sono proposti circa una sessantina di lavori, dipinti, sculture in ceramica, disegni e opere grafiche prodotti in diversi momenti espressivi“Ogni composizione – dicono i curatori Cinzia Tesio e Rino Tacchella – contiene idee, pensieri e, soprattutto, innovazioni linguistiche ottenute utilizzando mezzi e materiali inediti, spregiudicati, a volte sconvolgenti considerato il periodo. È nel gesto che Picasso imprime i suoi reconditi pensieri, le sue invenzioni, le sue passioni per chi si sofferma a guardare attentamente le sue opere”.Segue un percorso dedicato al viaggio del Maestro in Italia del 1917 motivato non dal Gran Tour, fuori tempo ormai per il creatore del Cubismo, ma dall’incontro con Diaghilev, Massine e Cocteau, al fine di chiarirsi le idee sul balletto Parade.

La danza e il teatro, tanto cari a Picasso, saranno presenti in mostra con una serie di disegni realizzati poco dopo il tour romano. È proprio nella Capitale, infatti, che il Maestro, oltre ad apprezzare la vista delle pitture antiche, delle sculture classiche e le opere dei geni passati, incontra Balla, Boccioni, Soffici, Carrà, Depero e da cui inizia rapporti epistolari con Carrà e De Chirico. Il luogo prescelto è il Caffè Greco: nascono confronti, insegnamenti e paragoni. Gli artisti italiani provano, dinanzi ai capolavori cubisti, una forte esaltazione data dal nuovo linguaggio, moderno e affine al futurismo italiano.

La parola “insegnamento” introduce il visitatore nella seconda parte della rassegna caratterizzata da oltre 50 opere suddivise in due settori: la scomposizione della forma e l’utilizzo di nuovi materiali.
Con la sezione dedicata alla “scomposizione della forma” la mostra analizza autori come Sironi, Campigli, Tozzi, Guttuso, Morando, Giulio D’Anna, Birolli, Soffici ecc.
Volendo verificare l’ampliarsi delle possibilità linguistiche nate dall’utilizzo dei materiali e all’applicazione del collage troviamo: gli strappi di Rotella, Soldati, le ricerche materiche di Burri e informali di Enrico Baj, sino alle prove sperimentali e di grande impatto visivo delle superfici di molti maestri dell’arte moderna e contemporanea.

Chiude la rassegna una sezione dedicata alla ceramica, all’esperienza picassiana di Vallauris (ivi nel 1947 il Maestro produce, in pochi anni, centinaia di opere in ceramica) e alla sua conseguente influenza sui maestri che hanno lavorato e prodotto ad Albissola.

La mostra si compone di un centinaio di opere provenienti da collezioni pubbliche e collezioni private italiane ed è corredata da un catalogo che contiene i testi dei curatori e la riproduzione a colori di tutte le opere esposte.

ORGANIZZAZIONE
Ente organizzatore: Cherasco Eventi
Mostra a cura di: Cinzia Tesio e Rino Tacchella.
Direzione della mostra: Riccardo Gattolin
Coordinamento generale: Licia Innocenti
Comitato scientifico: Cinzia Tesio – Riccardo Gattolin – Rino Tacchella – Gabriella Giacosa – Carlo Giuliano – Franco Baccaro
Testi in catalogo: Cinzia Tesio – Rino Tacchella
Promossa: Regione Piemonte, Città di Cherasco, Associazione Cherasco Eventi
Segreteria organizzativa: Licia Innocenti
Catalogo: Edizioni Città di Cherasco
Direzione artistica: Square Comunicazione Srl
Assicurazioni: Axa assicurazioni.
Trasporto: Ferrari Spa – Città di Cherasco
Allestimento: Michelangelo Tallone – Sara De Nicola – Città di Cherasco
Coordinamento Tecnico: Michelangelo Tallone
Ufficio Stampa: Licia Innocenti – Square Comunicazione
ORARI
Da mercoledì a sabato: dalle ore 9,30 alle 12,30 e dalle 14,30 alle 18,30.
Festivi: dalle ore 9,30 alle 13,00 e dalle 14,30 alle 19.

BIGLIETTERIA
Interi € 8,00.
Ridotti € 5,00 (da 12 a 18 anni, over 65, studenti universitari, gruppi min.15 persone (prenotazione obbligatoria).
Entrata gratuita per i cheraschesi.
Scuole gratuito (costo guida € 50,00 fino a 25 alunni).

Prenotazione online: http://cherascosalmatoris.it/picasso-e-la-sua-eredita-nellarte-italiana/

SEGRETERIA E PRENOTAZIONI GRUPPI
Tel. 0172427050 – ufficio.stampa@comune.cherasco.cn

Data

Ott 12 2019 - Gen 12 2020
Expired!

Ora

All Day

Luogo

Palazzo Salmatoris
Via Vittorio Emanuele II, 29, Cherasco, CN presso Palazzo Salmatoris

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *